Il Chianti: viaggio tra geografia, gusto e storia

Quando si parla del Chianti oggi è difficile fare una distinzione precisa. Ci si può riferire a una regione e alle sue bontà gastronomiche, al territorio in quanto tale oppure agli ottimi vini. Ci si può anche riferire a un fenomeno strano, particolare, che ha portato centinaia di inglesi a comprar casa tra queste colline, al punto da ribattezzare la zona “Chiantishire” – come se fosse una provincia britannica.

Questo avviene perché il Chianti, inteso come tutto l’insieme di queste caratteristiche, è una terra magica. Venti chilometri di colline e basse montagne che coprono tre province: Firenze, Siena e Arezzo. Il Chianti ha segnato per secoli la vita della gente del posto, dedita da sempre all’agricoltura, ma ha anche segnato per sempre la cucina tipica italiana. E la sua enogastronomia. Scoprirlo significa fare un viaggio a tutto tondo tra geografia, storia e gusto.

uva-chianti

Chianti, l’importanza del clima

Quel che rende questo territorio tanto fertile e adatto alle coltivazioni è sicuramente la formazione minerale delle sue terre combinata con un clima più che ideale. Data l’elevata erosione a cui sono soggette le colline, i materiali vengono assorbiti dalla terra che si arricchisce in modo totale.

Le temperature medie si aggirano tra gli 11 gradi e i 16, con precipitazioni mai eccessive. In cima alle montagne piove di più, spesso in modo esagerato, ma questa acqua che si accumula in alto va ad alimentare le le falde acquifere a valle, creando quel sistema di nutrimento del terreno che proprio grazie a ciò risulta completo. Il sole, che da queste parti non manca quasi mai, completa il lavoro della natura per rendere la terra iper produttiva.

I vini del Chianti

I vini del Chianti sono prodotti con una maggioranza di vitigno Sangiovese che copre il gusto per il 70-100% e che si completa con altri vitigni locali, a bacca rossa (per citarne solo alcuni Barbera, Canaiolo, Prugnolo, Syrah) o a bacca bianca (Albarola, Fiano, Moscato, Trebbiano). Il risultato è un tipo particolare di vino dal colore, odore e caratteristiche di gusto unici al mondo.

Il Chianti, bianco o rosso che sia, si presenta di colore vivace e limpido; l’odore è molto intenso, con sentori di fiori di mammola e una nota raffinata nelle bottiglie più invecchiate. Il sapore è vellutato, rotondo, leggermente sapido. I vini del Chianti sono rinomati ma non sono per forza dei vini da ristorante di lusso, anzi … . Si possono adattare a qualsiasi tipo di pasto e rendono tipica e gustosa la cucina toscana in tutte le sue forme. In particolare si sposano con  carne rossa, selvaggina, salumi e primi al sugo.

Gli itinerari del Chianti

Per degustare i vini del Chianti e scoprire i loro abbinamenti con i cibi toscani, regalatevi qualche itinerario in questo territorio magico. I borghi medievali, il Museo del Vino di Greve in Chianti, il Museo Archeologico di Chianti Senese, le stazioni termali che costellano la regione si prestano per vacanze rilassanti e soddisfacenti, sotto ogni aspetto. Il tutto si completa con la possibilità di assaggiare le migliori ricette della produzione genuina toscana, per dare un senso ulteriore alla bontà dei vini del Chianti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi